Olio canino del Lazio, cosa è e caratteristiche di questo prodotto

olio-canino

Negli ultimi anni assistiamo ad una valorizzazione dei prodotti dell’agricoltura locale, frutto di una maggiore consapevolezza nei confronti dell’ambiente e della tradizione di ogni Paese. Fortunatamente, anche le regioni stanno cominciando a valorizzare, grazie a delle particolari politiche agrarie, le coltivazioni tipiche del territorio, e questo vale anche per i cultivar di ulive di ogni regione. Ogni territorio italiano ha sue caratteristiche uniche e speciali che rendono ogni cultivar diverso dagli altri e che lo caratterizzano con profumi, sapori ed abbinamenti particolari: in alcuni casi siamo di fronte addirittura a delle vere e proprie rarità e cultivar con patrimoni genetici unici e speciali, degni di essere conservati.

Come quelli che danno origine allo speciale l’olio extra vergine canino, un olio unico della zona laziale e che viene coltivato in una delle zone più belle ed affascinanti della regione, la Tuscia e zone limitrofe. L’olio extra vergine canino è caratterizzato da un colore verde intenso, da un aroma fruttato, e con note amare e poco piccanti è davvero unico e saporito perfetto per accompagnare i piatti della tradizione laziale. Questo cultivar è uno dei più apprezzati del territorio, motivo di vanto per chi ama questa regione e le sue bellezze non solo naturali, ma anche le specialità culinarie. Ma da dove viene l’olio extra vergine canino? Per conoscere l’olio extra vergine canino ecco qualche informazione utile per voi per scoprire qualcosa di più su questo prodotto di alta qualità, frutto della terra e della passione.

 Il cultivar canino e lo speciale olio laziale

L’olio extra vergine canino ha ottenuto il riconoscimento europeo nel 1996 ed è di denominazione ad origine protetta. Questo olio si tratta di un particolare prodotto originario del Lazio che deriva da olive di varietà canino, e che viene ottenuto secondo un disciplinare severo ed attento che ne garantisce le qualità organolettiche uniche e speciali.

Basti pensare che l’olio extra vergine canino viene ottenuto delle olive spremute entro dodici ore dalla loro raccolta, questo per poter mantenere la oro fragranza, eccellenza e la qualità del succo dell’oliva.

L’olio extra vergine canino viene prodotto con la varietà di olive Canino ma anche con Pendolino, Leccino, Maurino, Frantoio. L’olio ha origine nel Lazio, nella zona della Tuscia, Viterbo, Canino, e nei comuni limitrofi. Nella zona di Canino i cultivar sono sempre coltivati con tecniche sostenibili dal punto di vista ambientale e con un uso limitato di concimi chimici: i frantoi usano metodi sia tradizionali di spremitura (come quelli con macina di pietra) che più moderni. Ma sono sempre di più le aziende locali che scelgono di munirsi di metodi di agricoltura biologica per ottenere l’olio extra vergine canino. Le caratteristiche dell’olio extra vergine canino sono le seguenti: alla vista appare colore verde smeraldo, con riflessi dorati, odore fruttato di oliva matura.

Il sapore dell’olio è forte, deciso: ci sono note di carciofo, cardo e pomodoro acerbo, con retrogusto piccante, leggermente amaro. L’olio extra vergine canino è un prodotto di alta qualità, ricco di vitamina E, antiossidanti, poliefonoli che sono in grado di contrastare attivamente i radicali liberi, e contiene acidità totale dello 0,5%. Grazie alle sue caratteristiche, l’olio extra vergine canino è ideale per essere gustato crudo, per accompagnare zuppe di legumi, insalate, bolliti, carne rossa, bruschette. Questo prodotto tipico del territorio è motivo di grande orgoglio, è realizzato con passione ed è autentico, forte e saporito, come la natura dove nasce questo cultivar. È possibile acquistarlo direttamente in loco o anche online per gustare la prelibatezza di un prodotto locale speciale, unico e ricco di carattere e di gusto.