Formazione ipoecogena al seno con margini regolari: riscontro clinico

ormazione ipoecogena al seno con margini regolar

La presenza di lesioni benigne al seno è una situazione frequente ma, quale’è il riscontro clinico per le formazioni con margini regolari e che differenze ci sono?

I termini medici, spesso, sono difficili da comprendere, è questo il caso del nodulo ipoecogeno, una particolare formazione solida o sierosa, che compare in diverse zone del corpo e riscontabile mediante diagnostica per immagini. Nello specifico, si tratta di una formazione che presenta zone d’ombre al momento del test ecografico, esse sono sintomo della presenza di tessuti fibrosi o liquido al loro interno.

Questo tipo di nodulo può essere riscontrato in diverse parti del corpo, come attraverso l’analisi della mammella o della tiroide ma, non costituisce una patologia cancerosa o pericolosità in generale.

La comparsa di lesioni solide benigne è una condizione relativamente frequente e la più comune è la fibroadenoma. Si tratta di lesioni sensibili agli ormoni, che devono essere tenuti sotto controllo per intervenire in caso di bruschi incrementi dimensionali. La gravidanza è inclusa tra le cause in cui il fibroadenoma più improvvisamente aumentare di volume. Si tratta comunque di un nodulo che rimane generalmente innocuo e privo di pericoli per il paziente. Altre forme di lesioni palpabili più rare sono:

  • fibrolipomi
  • tumore filloide
  • papillomi intraduttali
  • sindrome di mondor
  • mastiti

In mancanza dei caratteri di benignità (eco tessitura uniforme, disposizione parallela dell’asse mammario, bordi regolari ed assenza di ombra acustica o calcificazione) e se non c’è la combinazione con una o più caratteristiche di malignità (lesioni indeterminate), si consiglia di sottoporsi alle procedure diagnostiche tramite valutazioni ecografiche ravvicinate.

Tra le formazioni ipocogene del seno con margini regolari, quelle clinicamente riscontrate più di frequente sono:

– Fibroadenoma: di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente. La lesione è caratterizzata da margini netti con nessuno sbarramento acustico posteriore, meno di 2 lobulazioni, disposizione parallela all’asse mammario con leggere disuniformità.

– Cisti semplice: lesione caratterizzata da uniforme ed intensa anecoicità, margini regolari e netti, fortissimo riverbero acustico posteriore.