Tour della Puglia tra mozzarelle, salumi e altre prelibatezze tipiche

Caseificio pugliese_800x534

La ricchezza di sapori che caratterizza la Puglia è solo una delle tante meraviglie di questa regione. Oltre ad un mare che contende il primato di bellezza a posti idilliaci e lontani come le Maldive, ad un cultura che risale a tempi antichissimi e a tradizioni millenarie, il cibo resta una peculiarità inossidabile di questa terra, che tanto dà alla tavola grazie al suo clima e alle maestranze che hanno tramandato nel tempo l’arte della lavorazione manuale delle materie prime. Oggi molti di questi mestieri sono perfettamente adattati alle esigenze del mercato, ma non hanno perso la loro intrinseca genuinità.

Visitare la Puglia, dalla costa all’entroterra, è un’esperienza che coinvolge tutti i sensi: la vista delle bellezze naturali, il suono del vento o il silenzio delle lande bruciate dal sole in estate, i sapori e gli odori dei prodotti enogastronomici e la sensazione tattile di toccare con mano una realtà unica nel suo genere. La Puglia gastronomica non si riduce a mozzarelle, trecce e burrate, ma sconfina nei vari settori alimentari, dal pesce alla carne, dalla panificazione alla produzione di olio.

Formaggi pugliesi: burrata, treccia di mozzarella e Fallone

Impossibile resistere al loro richiamo, i formaggi della Puglia sono buoni ancor prima di provarli; sarà perché la loro fama li precede, per il colore e la consistenza, ma nonostante ciò ogni assaggio è come una nuova scoperta, ogni morso attiva i sensori di piacere delle papille gustative.

La burrata di Andria è uno dei prodotti del territorio più rinomati, così come la morbida e compatta treccia di mozzarella Murgella di Caseificio Palazzo.

Meno conosciuta ma assolutamente da provare il formaggio fresco originario di Gravina, vicino Bari, il Fallone. Realizzato con una miscela di latte di capra e di pecora, presenta un sapore forte e deciso, molto intenso, mitigato da una pasta molle e rugosa.

Salumi e carni: antipasti e secondi per tutte le stagioni

Molto radicata nel territorio pugliese è anche la tradizione della produzione di salumi e la preparazione di carni saporite. Come non citare le fantastiche bombette, specialità di Fasano (provincia di Brindisi), involtini di carne di suino ripieni di pepe e formaggio; semplici e veloci da preparare sono una gustosa soluzione per il barbecue.

Dedicati agli amanti delle interiora sono invece i Torcinelli di Foggia e di Bari (consumati anche in altre regioni, come il Molise o la Basilicata): anch’essi involtini, sono realizzati con animelle d’agnello avvolte in budella di agnello o di capra e poi cotti sulla brace. Possono essere consumati da soli o come condimento di un panino.

Una delle eccellenza dalla Valle d’Itria, nel tarantino e più precisamente di Martina Franca, è il capocollo; prodotto da maiali allevati in loco, viene stagionato e risulta delicato nel sapore.

Perfetto con un filo di olio, altro prodotto di grande spessore della tradizione culinaria pugliese, testimoniata dalle distese di ulivi che tappezzano le lunghe strade interne della regione.

Ciambotto, il ragù di pesce pugliese

Circondata dal mare, la Puglia non poteva astenersi dal presentare una tradizione gastronomica basata sul pesce. Presente in tutte le salse, crudo o cotto, si consuma i grandi quantità e in molteplici preparazioni; una delle più tipiche è senza dubbio il ciambotto (ovvero miscuglio), una zuppa con prodotti locali, quali merluzzi piccoli, totani, scorfani, rana pescatrice, gellinelle, triglie, seppie, ecc. immersi in una gustosa salsa di pomodoro.

Pane di Altamura e focaccia barese

Contrasto di consistenze, il pane di Altamura ha una crosta croccante ed una mollica morbida e compatta. Dal 2003 inserito tra i prodotti DOP, si ottiene con l’utilizzo del lievito madre, risultando così leggero e molto saporito.

Trionfo della sofficità, la focaccia barese è un must della gastronomia pugliese, ideale sia come spuntino (a qualsiasi ora) che come accompagnamento per salumi. Oltre alla classica focaccia con pomodori freschi e olive baresane, ci sono le varianti bianche con rosmarino e sale grosso e con patate.