Le tecnologie di trasporto pneumatico di polveri alimentari

premiscelati

Il trasporto dei materiali granulari e delle polveri alimentari viene effettuato sempre più spesso, al giorno d’oggi, usufruendo di sistemi di trasporto pneumatico. Oggi come oggi sempre più realtà produttive hanno implementato l’adozione di impianti di trasporto pneumatico per l’industria alimentare, e non solo le grandi aziende, ma anche quelle più piccole hanno compreso le potenzialità di questi strumenti.

Il trasporto pneumatico è indicato soprattutto per quelle realtà produttive che necessitano di muovere e spostare dei grandi volumi di alimenti sfusi, di materie prime sotto forma di polvere oppure di granuli, si pensi al trasporto di cacao, spezie, riso, latte in polvere, aromi, legumi, farine e cereali, e molto altro. La soluzione di oggi è dotarsi di una tipologia di impianto utile per trasportare prodotti granulari e polveri in modo assolutamente rispettoso dell’integrità e delle caratteristiche del prodotto alimentare in questione.
Ovviamente le esigenze aziendali sono quelle di mantenere la qualità del prodotto, il suo aroma, l’integrità dello stesso, e standard igienici assolutamente elevati.

I sistemi di trasporto pneumatico di alimenti sono tradizionalmente quelli in fase diluita, che usano l’aria per sospendere e per trasportare le particelle nelle tubazioni. Con l’arrivo di nuove tecnologie e di nuove conoscenze tecniche, però, si stanno facendo strada sul mercato dei prodotti innovativi e particolarmente complessi che possono garantire il rapido ed efficiente trasporto di polveri alimentari mantenendo al contempo una maggiore qualità del prodotto e una affidabilità massima del servizio.

Ma quali sono i nuovi sistemi tecnologici per il trasporto pneumatico di polveri alimentari? Essi sono i cosiddetti sistemi in fase densa.

I sistemi in fase densa: cosa sono?

Gli ultimi studi del settore hanno qualificato i sistemi di trasporto pneumatico in fase densa come dotati di maggiori caratteristiche di affidabilità e efficienza per trasportare prodotti in polvere o granulari, sia su brevi distanze sia su quelle lunghe, vale a dire fino a due km circa.

Oggi come oggi i sistemi di trasporto in fase diluita sono senza dubbio quelli più diffusi ed utilizzati in assoluto; tuttavia negli anni l’esigenza di garantire una preservazione maggiore degli alimenti e di limitare alcuni dei problemi connessi a questi mezzi tradizionali ha portato ad un’interessante evoluzione tecnologica tutt’oggi in fase di sperimentazione, ma che sta dando dei buoni risultati. Stiamo parlando della tecnologia di trasporto in fase densa.

La tecnologia di trasporto in fase densa è innovativa sotto diversi punti di vista: il fulcro del sistema è la fluorizzazione e la capacità dei prodotti di mantenere aria. La tecnologia è basata sul principio del low-velocity slug-flow, per cercare di evitare che prodotti particolarmente delicati e sensibili, come il caffè in polvere, possano danneggiarsi.

In questi sistemi la velocità di trasporto delle polveri è compresa – secondo la necessità – fra gli 0.25 metri e i 4 metri al secondo. Secondo alcuni studi sperimentali implementati verso queste nuove tecnologie, i sistemi in fase densa potrebbero trasportare anche lo zucchero a grani senza danneggiarlo; le velocità non altissime permettono di interrompere il ciclo di trasporto delle polveri alimentari quando se ne abbia bisogno, e di farlo ricominciare al bisogno.

Non solo: i sistemi in questione sono predisposti anche per il trasporto di prodotti che tendono a bloccarsi nei tubi, e riescono ad evitare la formazione di blocchi simili grazie alla presenza di canali d’aria nei punti strategici.

Ma le nuove tecnologie in materia di trasporto di materiali alimentari non finiscono qui. Ad esempio negli ultimi tempi si stanno sperimentando con sempre maggiore successo tecniche di trasporto a gravità, gli “air-assisted gravity conveying”, che hanno bassi consumi energetici, e i sistemi Extrusion Flow, che sono usati per la movimentazione di alimenti di dimensioni più grandi, come i vegetali.