Il Bosso, un arbusto sempreverde

buxus-2_600x600

Il Bosso è un arbusto sempreverde, a crescita lenta che può raggiungere altezze non superiori ai 5 metri. La specie più frequentemente coltivata nei giardini è la Buxus sempervirens, è originaria dell’Europa sud-occidentale quindi prospera perfettamente nel clima nostrano e non supera i 3 metri.

Il bosso è una pianta arbustiva usata per siepi, bordure, alberelli e in vaso per decorare il giardino, le verande, i terrazzi e gli appartamenti. La coltivazione del bosso si adatta perfettamente al vaso, soprattutto per la forma di allevamento ad alberello tondeggiante.

Il bosso è una pianta molto resistente e non ha molto pretese per la sua coltivazione. Coltivare il bosso è facile, infatti questa pianta cresce bene anche su terreno asciutto e sassoso, l’importante è che si tratta di un terreno privo di ristagni idrici. L’unica esigenza consiste nella potatura che serve a dare alla pianta la forma prevista per l’allestimento di bordure, siepi o forme ornamentali. Sono diverse le forme di allevamento del bosso, questa pianta si presta bene alla potatura tanto che è molto comune nei tipici giardini all’italiana.

In base alla varietà, il bosso viene coltivato per formare fitte siepi o nelle varietà nane per basse bordure, in vaso come alberelli dalla forma obbligata per decorare appartamenti e terrazzi.

Per la messa a dimora del bosso si consiglia di procedere in autunno così le radici avranno modo di ambientarsi al meglio. Se procedete alla messa a dimora di piante dalle notevoli dimensioni, consigliamo di acquistarle munite di panetto di terra, al contrario, se le piante sono di piccole dimensioni e acquistate a radice nuda, consigliamo di metterle a dimora dopo averle tenute per un paio d’ore in una miscela data da acqua e terriccio. Se il terreno è particolarmente argilloso e pesante può essere una buona idea creare uno strato drenante con della ghiaia.

Esso cresce bene in qualsiasi luogo, quindi le sue più che esigenze sono preferenze per garantire una migliore crescita e per far vegetare meglio la pianta. Preferisce in particolar modo le posizioni soleggiate o semi ombreggiate, anche se non presenta particolari problemi di sviluppo neanche quando viene coltivato completamente all’ombra. Non teme il freddo e sopporta anche temperature molto inferiori allo 0°.

In autunno e a fine inverno, consigliamo di concimare con del fertilizzante organico per garantire lo sviluppo ottimale della piante.