Come insegnare al cane a non mangiare cose da terra: i consigli del veterinario

Una passeggiata con il proprio cane è rilassante, ma allo stesso tempo è doveroso controllare tutto quello che fa. Dal comportamento sino a quello che potrebbe trovare per terra e ingerire.

Non si parla solo di bocconi avvelenati – purtroppo presenti in parchi e strade dove si fanno passeggiare i cani – ma anche oggetti o avanzi di cibo avariato che possono comportare l’insorgenza di patologie più o meno gravi e sono anche tra le cause dei parassiti intestinali nel cane. È quindi possibile insegnare al proprio cane a non mangiare da terra? Ecco cosa consigliano i veterinari più esperti.

Perché il cane mangia cose che trova per terra?

Quanti dispetti può fare un cane e in quanti problemi può cacciarsi? Tantissimi. Purtroppo spesso e volentieri ai cani piace mangiare le cose che trova per terra, curiosare tra la spazzatura del parco e magari ruzzolare dove ci sono carcasse o cibo avariato.

Il conduttore del cane, nonché migliore amico, deve avere sempre gli occhi aperti e controllare tutti i movimenti durante la passeggiata (ma anche in casa). Se ingerire del cibo per la strada è grave, ancora di più è avere a che fare con medicinali – veleno per topi all’interno di merendine e anche bocconi avvelenati arricchiti da chiodi e puntine.

La risposta ad una problematica del genere è l’educazione e la formazione. Purtroppo in un mondo del genere è bene salvaguardare il proprio amico a quattro zampe insegnando cosa fare ma anche cosa non fare. In alcuni casi è consigliata la museruola – soprattutto mentre impara – così che non possa ingerire tutte le cose che trova per strada. Una volta che tutto l’insegnamento è stato recepito dall’amico a quattro zampe allora si potrà togliere la museruola, sempre secondo le leggi vigenti attive della città in cui si abita.

Metodi per insegnare al cane a non mangiare da terra

Ci sono vari metodi di addestramento per i cani e tra questi anche come non mangiare tutte le cose che trova per terra. Gli amici a quattro zampe focalizzano immediatamente l’oggetto da lontano e lo puntano, altre volte invece mentre annusano trovano qualcosa di “goloso” da ingerire.

È quindi necessario trovare un comando che possa allertare il cane facendogli posare l’oggetto, come per esempio “Lascialo” – “Non prenderlo” – “Buttalo”.

Non è una condizione facile e non è un addestramento veloce, ma in ogni caso dovrà essere regolare così che il cane si abitui alla parola e non esiti ad ubbidire per il suo bene. Ci sono cani non ossessionati da cibo e odori, infatti tendono ad apprendere rapidamente la lezione: con tutti gli altri invece ci vuole pazienza e molta attenzione.

I metodi possono essere fai da te oppure con l’aiuto di un professionista del settore. In ogni caso si potrà trovare aiuto grazie a:

  • Dolcetti gustosi
  • Dolcetti non gustosi
  • Due palle uguali
  • Un guinzaglio

La parola “Lascialo” verrà associata al comando che il cane dovrà imparare per non prendere i bocconi da terra. Gli esercizi possono essere fatti dentro una stanza senza distrazioni, cinque minuti tutti i giorni.