Riflessologia e il benessere: come raggiungerlo senza

riflessologia-2_800x462

La riflessologia è una tecnica o terapia olistica, ovvero basata sul principio secondo cui ogni aspetto della vita individuale influirebbe in maniera diretta sia sulla salute e sul benessere della persona. Attraverso l’implementazione della riflessologia, è possibile operare un riequilibrio dell’intero organismo attraverso la stimolazione del sistema immunitario, assecondando così la capacità di auto guarigione del corpo.

Per di più, così come lo Shiatsu e l’arte medica dell’agopuntura, la riflessologia riconosce che ogni organo interno goda di corrispondenze situate in parti alternative del corpo, permettendo in questo modo di curare eventuali malesseri causati da squilibri energetici attraverso dovute stimolazione, le “zone riflesse” e ricevere una risposta automatica e involontaria dell’organo.

Le origini di una terapia antica ma efficace

La riflessologia, così come le altre terapie che le si pongono vicine in quanto apparentemente simili, ha origini molto antiche addirittura si pensa risalenti all’Antico Egitto.

La sua efficacia fu riconosciuta e condivisa anche nell’antica Grecia e Antica Roma fino a trasformarsi in un efficiente strumento medico dopo gli studi condotti per Henrik Ling e William Fitzgerald che scoprirono non solo le modalità per la disinfiammazione degli organi ma anche le capacità analgesiche e antidolorifiche di questo trattamento quasi paragonabili ai classici sedativi dati durante le operazioni chirurgiche.

La riflessologia, benessere senza effetti collaterali

A differenza di altre terapie olistiche, la riflessologia appare privo di ogni genere di controindicazioni e pronto a curare ogni tipologia di malessere, ottenendo risultati più o meno visibili.

Nonostante la riflessologia plantare sia il trattamento più di conosciuto e praticato, in realtà, esistono ben 4 tipologie conosciute di riflessologia utilizzate a seconda dei malesseri e dei sintomi da curare:

  • La riflessologia palmare è considerata un trattamento al pari della classica riflessologia plantare poiché permette l’ottenimento dei medesimi risultati. A differenza della tecnica plantare, però, è un trattamento utilizzato in autonomia dal paziente, a seconda delle necessità;
  • La riflessologia auricolare o auricoloterapia è forse il trattamento più delicato tra i quattro in quanto le terminazioni nervose dell’orecchio appaiono molto sensibili. Generalmente, questa tipologia di trattamento è utilizzata per curare e trattare i disturbi cronici come l’artrosi i dolori acuti come il mal di denti e le nevralgie;
  • La riflessologia facciale sfrutta le terminazioni del viso per migliorare il funzionamento degli organi interni ed è utilizzato come strumento per la cura del mal di testa e dei disturbi digestivi a prescindere dall’ origine;
  • La riflessologia plantare è la terapia più conosciuta è generalmente utilizzata per curare i disturbi del sonno, i dolori muscolari e dolori legati alla colonna vertebrale.

La riflessologia e i suoi mille benefici

La riflessologia è capace di poter curare ogni tipologia di malessere e può migliorare sensibilmente  salute del paziente. Tanti, inoltre, sono i benefici che si possono ottenere attraverso il suo utilizzo:

  • Il miglioramento dell’apparato urinario e del sistema endocrino, eliminando le eventuali infiammazioni e migliorando sistema immunitario;
  • Il miglioramento del sistema basale e degli eventuali disturbi del sonno;
  • Rigenera lo stomaco, attenuando le eventuali infiammazioni e ristabilisce le attività intestinali;

La riflessologia inoltre è una terapia che permette di beneficiare anche di un potenziamento dell’aspetto fisico in quanto assicura una maggiore ossigenazione dei tessuti, rinvigorisce l’epidermide e permette l’eliminazione di molti degli inestetismi cutanei dovuti a disturbi provocati dalla ritenzione idrica e non.