Come illuminare il giardino

Come-illuminare-il-giardino

Avere un giardino è una grande fortuna: ma se si ha uno spazio verde, bisogna anche prendersene cura con molta attenzione. Uno degli aspetti fondamentali dell’arredo del giardino è, senza dubbio, il fattore illuminazione.
Illuminare il giardino è di fondamentale importanza non solamente per una questione estetica, ma anche per la sicurezza; ad esempio, illuminare la piscina, il gazebo, i vialetti e le zone più percorse è molto importante per evitare piccoli incidenti. Esistono diverse opzioni che permettono di illuminare il giardino: alcune più economiche, altre più costose e di grande effetto estetico. Ci sono soluzioni per tutti, cerchiamo di fare una panoramica delle modalità possibili di illuminare lo spazio verde della casa.
Illuminare il giardino significa in primo luogo valorizzare gli spazi, esaltare la sua bellezza e creare degli effetti scenici: significa anche mettere in sicurezza questo luogo che appartiene alla casa.
L’illuminazione può essere funzionale o scenografica: sono moltissime le soluzioni a portata di mano.

Soluzioni per l’illuminazione del giardino

Come illuminare i vialetti e i percorsi, oppure il bordo della piscina? Una soluzione ottimale sono i segnapassi. Si tratta di strutture di illuminazione che permettono di illuminare il perimetro di una struttura, come dei gradini, un viale o appunto la piscina, evitando così di non vederli.
Per illuminare il viale, una soluzione classica e di grande effetto scenico sono i lampioni da giardino. Essi creano dei punti luce disseminati nel prato; ne esistono di diversi modelli, con varie forme e strutture, che vanno incontro alle esigenze pratiche ed estetiche di ciascuno.
I faretti sono un’altra soluzione molto pratica e versatile che permette di valorizzare alcune zone del giardino, si pensi ad esempio al gazebo, o ancora ai muri di perimetro del giardino (soprattutto in caso di giardini medio-grandi). I faretti possono essere anche a timer o dotati di sensori di movimento, in modo da accendersi al passaggio di una persona o animale.
Si può anche optare per dei modelli di lampada che illuminino zone specifiche – ad esempio il gazebo o il portico, dove poter trascorrere dei momenti di convivialità -.

Come scegliere l’illuminazione

È anche importante scegliere l’intensità dell’illuminazione. In genere in esterno si usano le lampade a led che donano una luce più soffusa e meno diretta rispetto a quelle alogene, e che permettono di risparmiare anche l’80% sui consumi (il che torna molto utile soprattutto se le luci in giardino non sono a timer o a sensori).
La luce può essere calda o fredda. Esistono due colori delle lampadine alogene: bianco freddo e bianco caldo, la scelta dipende dall’effetto che si vuole ottenere.
La scelta deve tenere conto anche della sicurezza e della qualità dei materiali. Indubbiamente le luci per esterno devono essere progettate per l’uso ad hoc, perché saranno protette dall’umidità, dalle temperature anche basse e dalle precipitazioni atmosferiche rispetto alle luci da utilizzare in casa. Anche in questo caso è sempre bene optare per prodotti di alta qualità e certificati, in modo da evitare incidenti e da risparmiare sul lungo periodo.