Come fare per cambiare il medico di base, tutte le procedure da seguire

medico di base

Non sapete come fare per cambiare il medico di base? Ecco le procedure da seguire, piuttosto semplici.

Il medico di base, detto anche di famiglia, lavora in convenzione con il Sistema Sanitario nazionale; in pratica, il servizio è gratuito. Ogni cittadino di età superiore a 14 anni ha diritto ad averne uno (sotto questa età, esiste il pediatra di base) e può sceglierlo da un elenco recuperabile all’Azienda sanitaria di zona.

L’unica restrizione emerge se il medico prescelto non dovesse avere più disponibilità. Ogni medico può avere non più di 1500 pazienti; quindi, se il professionista ha già raggiunto tale limite, dovrete individuarne un altro.

Per scegliere il medico, recatevi agli uffici Asl competenti per la vostra zona portando copia del documento di identità e tessera sanitaria. Allo sportello compilate il modulo apposito, indicando il nome del medico prescelto. Se non sapete quale medico prediligere, potete controllare quale ha lo studio più vicino alla vostra residenza, per comodità. Se poi non doveste trovarvi bene, ricordate che potete cambiare in qualunque momento per qualsiasi motivo.

La stessa procedura potete effettuarla anche online. Occorre registrarsi sul portale della propria regione, accedendo con un’identità SPID, e entrando nella sezione apposita. Consultate poi l’elenco dei medici disponibili e fate richiesta; la conferma arriverà automaticamente in breve tempo.

Quando posso cambiare il medico di famiglia

Non ci sono regole che determinino quando posso cambiare il medico di famiglia. L’indicazione del nominativo del medico di base è una libera scelta del cittadino, che si può modificare in qualunque momento.

Può essere venuto meno il rapporto di fiducia fra dottore e paziente, per esempio, e quest’ultimo non è tenuto a dare alcun tipo di spiegazione.

Tra i motivi più frequenti per cui si cambia medico c’è il trasferimento del paziente, che sia in un’altra città o solo in un altro quartiere. Si può cambiare affinché il medico sia più vicino alla propria abitazione. Ma non è un obbligo. Se vi fidate del vostro medico, potete continuare a essere iscritti nel suo elenco anche se avete cambiato indirizzo.

Si sceglie il medico di base anche quando si passa dal pediatra al medico di medicina generale. In tal caso è possibile chiedere lo stesso professionista che si occupa degli altri membri del nucleo di famiglia. Infine, è obbligatorio cambiare medico quando questi va in pensione.