Come evitare i brufoli, ecco i cibi da bandire dalla tavola

brufoli in fronte

Evitare i brufoli è da sempre il dramma degli adolescenti anche se è un fenomeno che può colpire ad ogni età. La fascia più colpita è sicuramente quella tra i 12 e i 14 anni, con picco massimo tra i 17 e i 18 , indifferentemente tra maschi e femmine. Questo perché in questi particolari periodi della vita, aumentano i livelli di ormoni androgeni dovuti al testosterone che stimolano le ghiandole sebacee a produrre più sebo che andrà poi, ad accumularsi sul viso formando molti follicoli fastidiosi e antiestetici.

Ma il fattore ormonale non è l’unico responsabile di questo fenomeno come erroneamente si pensa.

La presenza di brufoli sul viso, superate le fasce di età “ a rischio” dipende spesso e volentieri da una cattiva alimentazione ricca di grassi e proteine. E’ accertato ormai che un’alimentazione squilibrata, associata spesso ad altri fattori come lo stress o all’assunzione di alcuni farmaci, favorisca l’insorgere dei brufoli.

Questo in un certo senso deve far tirare un sospiro di sollievo perché se sulle questioni ormonali si hanno pochi poteri, sull’alimentazione si può fare molto basta capire quali siano gli alimenti da evitare per i brufoli.

Brufoli: alimenti da evitare per i brufoli

Gli alimenti da evitare per i brufoli sono soprattutto quelli grassi e pieni di zuccheri che appesantiscono il fegato e che rendono quindi lo smaltimento degli stessi più faticoso agevolandone l’accumulo nelle ghiandole sebacee.

Qui un elenco dei cibi da evitare per i brufoli:

  • Dolci preparati con farine raffinate e zucchero bianco.
  • Fritti
  • Insaccati, in particolare quelli più grassi (mortadella e salame)
  • Margarina, olio di palma, alcuni oli vegetali e quelli idrogenati in generale.
  • Cibi industriali e confezionati in generale.
  • Cioccolato ( consentito solo se superiore al 70% di pasta di cacao e in piccole quantità)
  • Latte e quindi formaggi, in particolare quelli grassi.
  • Bevande gassate perché ricche di zucchero industriale.
  • Alcol

Brufoli: alimenti consentiti 

 Così come è importante andare ad eliminare immediatamente dalla dieta i cibi troppo ricchi che favoriscono la formazione di brufoli, altrettanto importante è andare a controbilanciarla con quegli alimenti di cui la dieta era carente. Fare un vero e proprio reintegro di vitamine e omega3 di cui la pelle in particolare ha grande necessità. La dieta mediterranea si è rivelata secondo gli studi, una delle migliori da seguire. Il giovamento sarà presto visibile.

Qui un elenco dei cibi consentiti in caso di brufoli:

  • Pesce, soprattutto azzurro (acciughe, sardine, sgombero, salmone) che contiene molti omega3.
  • Semi di lino, che riducono le infiammazioni.
  • Frutta secca ( noci, mandorle, noccioline, arachidi) ricca di omega3 e selenio.
  • Frutta fresca, in particolare quella ricca di vitamina C ( agrumi, fragole)
  • Verdure fresche che aiutano ad eliminare le tossine.
  • Olio extravergine di oliva usato a crudo.
  • Cibi che riducono l’infiammazione intestinale ( yogurt, crauti, zuppa di miso, kefir)
  • Tè verde, che è un disintossicante naturale del fegato (può essere applicato anche sul viso utilizzando le bustine intiepidite o con un panno)

L’idratazione è ulteriore fattore importantissimo quando si parla di problemi legati allo smaltimento delle tossine, primo fra tutti il caso dei brufoli.

Non bisogna mai tralasciare di bere la giusta quantità di acqua ogni giorno ( almeno 2 litri) aiutandosi eventualmente con tisane o in questo caso, con il benefico tè verde.